Gli ex mecenati non possono affogare i dispiaceri come primo bar ad accettare la chiusura di Bitcoin

Un leggendario abbeveratoio con sede a Berlino e il mozzo Bitcoin chiude

Un leggendario bar e ristorante in Germania che, a quanto si dice, è stato il primo ad accettare la crittovaluta come forma di pagamento, ha chiuso definitivamente.

Secondo un post di Reddit del 18 ottobre di Joerg Platzer, fondatore della Room 77, la prima azienda di mattoni e mortai ad accettare Bitcoin Trader non accetta più clienti e ha chiuso i battenti. In un messaggio d’addio crivellato di riferimenti alla Guida galattica per gli autostoppisti di Douglas Adams, Platzer ha detto „grazie ancora per tutto il pesce e le generose mance“ dopo più di 15 anni di attività che occupano „quel piccolo locale di Berlino Kreuzberg“.

„Ci siamo divertiti molto“, ha detto Platzer. „Ci siamo divertiti molto e ci siamo fatti molti amici“. Ormai è chiaro che nessuno fermerà più Bitcoin. Il denaro sano su scala globale renderà presto insostenibile [sic] scatenare guerre e creerà l’uguaglianza economica tra gli uomini“.

La stanza 77, „il ristorante alla fine del capitalismo“, situato nel quartiere Kreuzberg di Berlino, in Germania, è stata, secondo quanto riferito, la prima sede di mattoni e mortai al mondo ad accettare il Bitcoin come forma di pagamento. Platzer ha dichiarato di aver ricevuto il primo pagamento criptato nel maggio 2011 per una pinta di birra.

Dato che il prezzo medio della birra in Germania è di circa 4,10 dollari e che il Bitcoin aveva appena raggiunto la parità con il dollaro americano in quel momento, il cliente avrebbe potuto facilmente pagare la sua bevanda con più di 1 BTC – ora al prezzo di 11.432 dollari. È una bevanda di alta qualità.

Gli utenti di Crypto Twitter sono stati veloci a saltare

Gli utenti di Crypto Twitter sono stati veloci a saltare sui telegiornali con le loro storie di pellegrinaggio al leggendario bar Bitcoin. Il Cointelegraph ha riferito che anche l’educatore Bitcoin Andreas Antonopoulos ha trasformato i proprietari di aziende locali in crittografi dopo un incontro casuale al bar.

„Una visita a Berlino non è mai stata completa senza fermarsi alla stanza 77“, ha detto lo sviluppatore del Bitcoin Core Eric Lombrozo. „Questo posto rimarrà sempre parte della storia della Bitcoin“.

Phil Lucsok ha condiviso i ricordi della prima volta che ha trascorso cripto nel mondo reale:

„Quando ho ricevuto un po‘ di Bitcoin per la prima volta, volevo solo spenderlo da qualche parte in AFK. Sono arrivato alla stanza 77 in un primo pomeriggio di primavera del 2013 e ho ordinato un caffè perché non volevo né birra né cibo, volevo solo spendere un po‘ di valuta decentrata per la prima volta in vita mia“.

Platzer non ha fornito un motivo specifico per la chiusura, ma gli ex mecenati ipotizzano che possa essere legato alle restrizioni dovute alla pandemia. La settimana scorsa le autorità hanno annunciato un coprifuoco che impone ai bar di Berlino di chiudere i bar tra le 23 e le 6 del mattino e di limitare gli incontri a non più di 25 persone al chiuso.

Anche se il divieto è stato successivamente revocato, molte aziende in tutto il mondo stanno subendo un calo delle entrate a causa del calo del turismo e del numero di persone che rimangono al chiuso.

„Date la colpa a COVID o date la colpa alla gentrificazione“, ha detto il crittoeconomista Jon Matonis su Twitter. „In ogni caso, questo punto di riferimento di Kreuzberg è stato un punto di riferimento per Bitcoin per oltre 10 anni, con migliaia di pellegrini che hanno fatto il pellegrinaggio obbligatorio“.